Junior Caccialupi

PROGRAMMA:
1) PRESENTAZIONE del corso
2) SFIDA:
- primo brano da imparare sul campo
3) ARMONIA:
- accordo maggiore e accordo minore
- armonia sulla scala; i rivolti
esercizi pratici
4) DINAMICA:
- piani e forti
- crescendo e diminuendo
5) RITMICA:
- cantare il basso
- beatboxing
- accompagnare in levare
- lasciare il segno
6) STRUTTURARE UN BRANO:
- intro (facoltativo)
- strofa= cantato = phrase = A
- ritornello = chorus= B
- ponte= bridge = special = C
- finale
7) RICONOSCERE LE LINEE MELODICO-STRUMENTALI
ALL’INTERNO DI UN BRANO:
esercizi pratici
8) SOSTITUZIONE DEGLI STRUMENTI CON LA VOCE:
- basso
- batteria - chitarra
- tastiera - archi
- pizzicato
9) SFIDA:
- secondo brano da imparare sul campo
10) COMPLICHIAMO UN PO’ LE COSE:
- piccoli disegni in movimento
- a disposizione degli altri
- intervenire se e quando richiesto
- ascoltare gli altri
- mesh-up: incastrare un brano dentro un altro
Sono evidenti alcuni aspetti paralleli di crescita personale e di insieme:
- mettere se stessi a disposizione degli altri:
la parte di accompagnamento spesso è più difficile di quella principale; tanta fatica per far fare bella figura al solista.
- capacità di avere un ruolo: stare al posto assegnato o intervenire se e quando viene richiesto, non è istintivo in tutti; se ognuno esegue bene la sua parte, l’armonia che ne deriverà sarà la protagonista.
- ascoltare gli altri:
è il principio della musica d’assieme; non è possibile suonare con
altri musicisti ascoltando solo se stessi; aiuta a sviluppare il senso del ritmo, fondamentale per la personalità, a dosare il volume della propria voce, a stare con gli altri senza prevaricarli ma prendendosi comunque le proprie responsabilità.
- memoria e sincronizzazione:
è necessario memorizzare le proprie parti fino a renderle automatiche, così poi si può pensare alla musica.
Alla fine del seminario, i partecipanti avranno migliorato la propria identità musicale, imparando ad esternare capacità ed attitudini, sempre cooperando per ottenere il risultato voluto e mettendo a proprio agio gli altri componenti del gruppo, divertendosi (speriamo) nel farlo.
Il seminario consiste in un incontro di 10÷12 ore distribuite su 2 giorni oppure di 6÷8 ore in unica giornata a programma ridotto.
I brani che i partecipanti impareranno saranno tendenzialmente di musica leggera (più veloci da apprendere).
Qualora le capacità vocali e di memorizzazione lo permettessero, è possibile prevedere un brano estrapolato da colonne sonore o addirittura di musica classica.
locandina bianca